I Futuristi e la Millemiglia

Arte
17 maggio 2017
Manuela De Vito

«Veemente dio d’una razza d’acciaio / Automobile ebbra di spazio / che scalpiti e fremi d’angoscia / rodendo il morso con striduli denti»: con queste roboanti parole Filippo Tommaso Marinetti iniziava la sua ode «All’Automobile da corsa». Erano i primi anni del Novecento, e i Futuristi come Marinetti salutavano con orgoglioso fervore l’avvento dei tempi[...]